Argomenti per categorie

venerdì 12 maggio 2017

Tra informazione e disinformazione


Interessante articolo che illumina sui motivi per i quali le persone in linea generale con l'avvento di internet e dei social media abbiano cominciato a mettere in discussione tutte le teorie e le comprovate dimostrazioni scientifiche sulla base di quello che racimolano in rete in termini di nuove informazioni.
Quello che si sottolinea in questo articolo tra informazione e disinformazione a confronto è che troppo spesso la gente cerca nell'informazione solamente contenuti che l'aggradano che circostanziano le proprie consapevolezze e convinzioni, il che significa prendere per buono e attendibile solo quelle notizie delle quali sono convinte da sempre ma che non avevano mai potuto verificare da nessuna parte perché i principali mezzi di informazione dicevano sempre il contrario.
Insomma pare che cercare fonti attendibili in rete sia roba per pochi e soprattutto da scienziati, in quanto quello che viene pubblicato ad esempio sulle riviste scientifiche non vi è ragione che debba essere messo in discussione.
Tutto questo ha sicuramente un fondo di verità perché troppo spesso la massa inizia a pensare quasi all'unisono come un gregge di pecore dando il peggio di se. Allora come dice l'articolo non si valutano più i contenuti oggettivamente e scientificamente ma si prende per buono tutto quello che leggiamo non preoccupandoci più della fonte dalla quale ci stiamo arricchendo d'informazione o di disinformazione. In questo modo sicuramente è facile cadere in errore.


Ma allora come si spiega la dichiarazione del dott. Richard Horton editore della rivista Lancet che sostiene a chiare note che la metà delle pubblicazioni scientifiche sono inattendibili ?
Questo dovrebbe iniziare a far pensare non poco sulla perfetta buona fede e affidabilità di chi pubblica sulle riviste scientifiche. Fino a ieri luogo di indiscutibile verità, oggi oggetto di discussione e di sfiducia.
Una cosa è certa, se proprio dobbiamo andare per il web a rovistare fra le cose che altre persone come noi scrivono ogni giorno, tanto vale dedicarci al super cazzeggio o a cose più leggere di consultazione e lettura come questo blog https://nuovilibriditesto.wordpress.com/ e prendere tutto con le molle senza farci cattivo sangue e senza pensare che quello che la scienza ci ha propinato fino ad oggi erano solo chiacchere e distintivo, come diceva un famoso attore in un famoso film. Saluti !