Argomenti per categorie

martedì 18 luglio 2017

Come rimorchiare una donna


Dunque l'argomento è sicuramente attualissimo perché la voglia di figa fresca fa sempre effetto nella psiche maschile. Ebbene, qui di seguito riporterò alcune tecniche utili per rimorchiare una donna per strada o in giro per locali. Non mi spingerò oltre parlando anche dei vari social perché la rete è già piena di Don Giovanni de sta cippa che elargiscono consigli a destra e a manca su come provarci con le ragazze su facebook, su badoo ed altre diavolerie inutili come queste.

Allora, andiamo ad incominciare, se ci troviamo sul marciapiede e stiamo incrociando una donna la prima cosa che potreste dirle non appena vi avvicinate è sicuramente una frase d'effetto come la seguente: lo sai che c'hai due gran meloni grossi e mi ci tufferei dentro con tutto l'uccello !
Dunque, la ragazza o la donna che sia come minimo vi manderà a cagare, oppure si metterà a ridere ma continuerà per la sua strada, allora nel secondo caso le dite pure: lo sai che hai un culo come una portaerei che ci entrerebbe dentro anche un missile cruise !

A questo punto la ragazza allungherà sicuramente il passo e vi manderà in tutta certezza a fare in culo e farà anche bene, perché significa che siete solamente dei maiali maleducati, che non sanno come approcciare una donna. Come potete vedere la tecnica su come rimorchiare una donna può essere efficace ma anche molto contro producente. Nel primo caso andrete anche oltre la semplice conoscenza, nel secondo caso finirete per andare a puttane come solitamente fate.

In alternativa a questo metodo diciamo un pò troppo diretto e volgare, potete buttarla sul romantico, del tipo: mi piacerebbe imburrarle il cavo anale per poi infilarglielo tutto su per il culo. Qui come potete osservare c'è molta più classe di linguaggio, anche se forse ancora un pò troppo audace per chi vuole diventare un autentico Casanova. Del resto il coraggio è l'anticamera della vita. Poco ma sicuro. Se non siete ancora contenti su come rimorchiare una donna allora potete rivolgervi a quei pipparoli che ostentano classe ed esperienza a parole ma che nei fatti si muniscono di vasellina per scivolare meglio la mano sull'asta del loro cazzo.

Insomma ragazzi, se volete rimorchiare davvero una donna cercate sempre e dico sempre di essere voi stessi, trovate un argomento adeguato al contesto in cui vi trovate e usate tanta disinvoltura, come se foste li a fare tutto tranne che a rimorchiare una ragazza, il resto sono solamente pippe.

lunedì 26 giugno 2017

Quali sono i siti per trovare escort con foto vere ?


Ho trovato in rete un articolo molto interessante seppur abbastanza personale che cita i metodi a cui affidarsi per cercare in rete i siti che abbiano un minimo di affidabilità quando pubblicano le foto delle ragazze escort. Infatti per trovare escort con foto vere oggi bisogna fare i salti mortali almeno nella stragrande maggioranza dei casi. Non sempre quando vediamo delle foto patinate su un annuncio di escort quelle foto corrispondono alla realtà dei fatti, anzi spesso è vero il contrario, perciò niente paura, perché se vogliamo davvero beccare la ragazza della foto dobbiamo affidarci ad un metodo infallibile.

Non pensate che esistano bacchette magiche per ottenere questo tipo di risultato, infatti come cita questo interessante articolo https://teatropuccinivespucci.wordpress.com/2017/06/26/i-migliori-canali-per-incontrare-escort-a-pisa-sono-pochi/ sono veramente pochissimi i canali che permettono ad un uomo oggi di poter incontrare donne escort belle e con foto originali. C'è sempre la fregatura dietro l'angolo, c'è sempre un trucco che ci fa intendere lucciole per lanterne. Ma a questo punto non vi resta che immergervi nella lettura di questa fonte per capire che l'unica maniera per ottenere ciò che vogliamo veramente è quella di imporre una domanda precisa ad un mercato che è diventato troppo malleabile e corrotto per essere affidabile e al di sopra di ogni sospetto.

Infatti nell'articolo in questione si fa riferimento a quanto sia molto più importante verificare di persona l'affidabilità delle foto che vengono proposte sui siti di escort piuttosto che affidarsi ad un sito per il solo fatto che è lui a garantirne l'autenticità. Questo infatti può andare bene nel momento in cui ha già dimostrato di essere un sito attendibile ma fino ad allora serve accortezza e orecchie dritte. Allora quali sono i siti per trovare escort con foto vere ? Semplice, quelli che hanno dimostrato tutta la loro coerenza dopo un certo periodo di frequentazione da parte nostra. In pratica se un sito dice che un annuncio ha foto vere e poi le foto sono prelevate da altre fonti è inutile incaponirsi a seguire il medesimo sito perché ha già dimostrato tutta la sua inaffidabilità. E' bene perciò cambiare e puntare verso altri lidi. Quando un sito di escort garantisce quello che dice e lo dimostra con i fatti, allora state pur certi che non prenderete mai più fregature come invece è d' uso fare oggi. Ad maiora.

venerdì 9 giugno 2017

Preliminari per lei. Perché sono importanti ?


Ebbene, oggi parliamo di eros e di sesso, tanto per cambiare. La domanda delle domande è la seguente: ma quanto contano i preliminari per lei e perché sono cosi importanti ?
Molti maschietti se lo saranno chiesto infinite volte e il motivo per cui questa domanda nasce spontanea è perché una donna se non viene presa nel modo giusto e con gli strumenti erotici adeguati si rischia di fare una figura barbina o addirittura si rischia di non combinare niente.

Il sistema di oggi è molto concentrato sull'importanza dell'immagine, oggi infatti l'immagine è tutto, è talmente importante da alludere continuamente al sesso, alla passione, all'erotismo ma sotto sotto è solo apparenza, troppa carne al fuoco si rischia di fare un pessimo arrosto. Se fate caso alle donne ben vestite, carine, curate che passeggiano per i centri città o altrove, hanno un atteggiamento inequivocabile, sembrano che ce l'abbiano soltanto loro. Questo deriva proprio dal messaggio che la nostra società trasmette. Bisogna curare l'immagine e non i rapporti sociali o la capacità di socializzare. Tutto questo si ripercuote naturalmente sulla sfera sessuale degli uomini, i quali trovando davanti a loro dei muri invalicabili preferiscono intraprendere strade meno impervie e rivolgersi alle professioniste del sesso. Il vantaggio di questa scelta ? Semplice, ottenere tutto e subito in cambio di soldi. Ma questa velocità di fornitura del sesso ha creato non pochi problemi a livello sociopatico, infatti gli uomini che sono abituati al sesso istantaneo non sanno più neanche pensare a quanto siano importanti i preliminari per lei. E invece è qui che sorge il problema successivo oggetto di questo topic.

Gli uomini che non riescono più a socializzare con le donne da cui sono attratti, compiono delle ingenuità nei confronti del gentil sesso, sottovalutando l'importanza dei preliminari per lei. I preliminari sono l'anticamera del rapporto perfetto, almeno dal punto di vista sessuale. Pensiamo solamente al modo di porsi e non solo al significato più diretto del termine "preliminare".
Pensate per un istante ad un animale indifeso che è sempre sotto l'occhio di predatori famelici e come si comporterebbe se qualche animale apparentemente famelico come gli altri volesse subito cibarsi di lui. Questo scapperebbe subito come farebbe normalmente.  Ebbene, la donna in base a questo paragone è identica, tende a fuggire perché associa l'atteggiamento invadente e allusivo a qualcosa da cui tenersi a debita distanza.

Ecco perché sono importanti i preliminari per lei, altrimenti saremmo poco più che bestie e probabilmente scoperemmo dietro l' angolo di ogni strada non appena vediamo un paio di gambe sexy o due tette sporgenti. L'importanza dei preliminari per riuscire ad approcciare una donna e portarsela a letto è fondamentale per un uomo. In alternativa resta sempre la soluzione più semplice, cioè andare a prostitute. Fate un pò voi.


domenica 28 maggio 2017

Quanto contano le dimensioni del pene ?


A questa domanda non ho mai saputo dare una risposta condivisibile in senso assoluto poiché molto dipende dall'uso che un uomo fa del suo pene. Una cosa è avere rapporti tradizionali con donne che adorano fare sesso e alle quali non interessa molto le dimensioni del pene ma preferiscono la durata che l'uomo riesce a mantenere insieme al livello di erezione, altra cosa invece è trasgredire con donne o anche con uomini o trans e avere rapporti sessuali anali in cui al contrario le persone passive preferiscono che venga introdotto loro un pene di grandi dimensioni oltre che duraturo nell'erezione e nella resistenza di penetrazione.

Non a caso esistono come oggetto di acquisto i cosiddetti falli di gomma, ovvero dei veri e propri cazzi di plastica di svariate dimensioni il cui scopo è quello di scopare... scusate il gioco di parole. Del resto se qualcuno frequenta le prostitute si sarà reso conto assai spesso che sul loro comodino non mancano mai oggettini di questo tipo la cui grandezza viene generalmente scelta dal cliente o dalla coppia ( uomo-donna ) di clienti che usufruiscono del servizio di una prostituta. In questo caso quanto contano le dimensioni del pene ? Ad occhio e croce direi parecchio, anche se in realtà non si tratta di pene autentico fatto di carne ma di un sex toys la cui fedele riproduzione ha il compito di fare da surrogato al pene vero che in quel momento è assente per motivi di dimensioni.

Io sono una che ha sempre preferito il pene di media dimensione perché adoro il rapporto sessuale vaginale, mi piace godere dal clitoride e dal canale vaginale, il rapporto anale lo faccio di tanto in tanto ma non mi fa letteralmente impazzire. Perciò la mia risposta alla domanda quanto contano le dimensioni del pene è sicuramente poco o pochissimo, certamente i mini dotati non fanno al caso mio, questo si ma un equipaggiamento del piacere normale è più che sufficiente per far godere una donna.


Non è un caso se esistono situazioni in cui certi uomini definiti iper dotati creano non poche difficoltà alle donne per via delle dimensioni inadeguate alla capacità di accoglimento della loro vagina. Alcune scappano a gambe levate, altre piangono letteralmente durante il tentativo di penetrazione. Perciò date retta ad un'esperta come me, il cazzo grosso o meglio quello eccessivamente grosso non è un buon amico di scorribande sessuali a meno che non si prediliga scopare il culo, allora le cose cambiano. Quanto contano le dimensioni del pene ? Se proprio devo darvi una risposta secca, credo che dai venti centimetri in giù fino ad arrivare ai quindi centimetri si possa parlare di pene perfetto, almeno per quel che concerne il rapporto sessuale tradizionale.

mercoledì 24 maggio 2017

Fascino delle ragazze Thailandesi, Cinesi e Giapponesi

Io sono un pò la meno indicata per esprimere un parere sulla bellezza delle donne di origine thailandese, cinese e giapponese ma da donna riesco a cogliere quelle differenze che forse un uomo non vede perché è troppo concentrato a puntare gli occhi su quei due o tre aspetti che interessano solo a lui.
Dunque secondo me è importante precisare subito un concetto, ovvero che per osservare la reale bellezza di una donna di qualunque origine essa sia è necessario osservarla nuda. Infatti troppo spesso la tecnologia fa miracoli soprattutto se viene adeguatamente ottimizzata da indumenti che tirano su le cose che generalmente stanno giù o ingrandiscono le cose che generalmente sono piccole. Un esempio ? Semplice: tette piccole rifatte ad arte e poi alzate con reggiseni appositamente realizzati oppure tette piccole ma ingrandite come per magia da un reggiseno rinforzato e bombato che permette a qualsiasi ragazza ipodotata di mammelle, sembrare una gran vacca da mungere.
Detto questo vorrei entrare nel merito dell'articolo e dire che il fascino delle ragazze thailandesi, cinesi e giapponesi per fortuna non risiede in questi vezzi estetici ma in ben altri aspetti sempre fisici ma unici e quindi non confrontabili con altre etnie.


Le ragazze thailandesi hanno pelle dorata, un'abbronzatura eterna che le rende molto attraenti, il tutto unito a dei visi molto particolari, con bei lineamenti dolci e connotati veramente unici.


Le ragazze cinesi sono per lo più bianche forse un pò tendenti al giallastro se paragonate alle donne occidentali ma sono simili alla porcellana, infatti le bambole cinesi prendono ispirazione proprio da questa peculiarità. Inoltre e tengo ad evidenziarlo le donne cinesi hanno occhi fantastici, mandorlati, tagli di vario genere, a goccia, con la coda dell'occhio rivolta verso l'alto, il tutto accompagnato da nasi minuti e bocche anch'esse minute ma spesso anche carnose.


Le ragazze giapponesi infine sono quelle che si avvicinano un pò ai connotati occidentali. Certo, si fa per dire perché anche loro hanno occhi a mandorla ma decisamente meno tagliati, sono più rotondeggianti, più ovali e sembra che la tendenza culturale che sta maturando in Giappone sia sempre più orientata a somigliare alle donne occidentali. Non poche le giovani ragazze che ricorrono alla blefaroplastica per eliminare le palpebre. Un errore madornale e mio avviso, perché rischiano nel tempo di cancellare una particolare fisionomia che appartiene solamente a loro.
La caratteristica che accomuna le tre razze è sicuramente quella di avere un fisico complessivamente filiforme, con poche curve, non sono donne formose come le ragazze mediterranee e non tengono neanche a voler somigliare a quel genere di canone estetico. Su questo mi trovano d'accordo. Infatti la bellezza è soggettiva e passa anche attraverso corpi esili e naturali come il loro.

sabato 20 maggio 2017

Seno finto o seno naturale ?


Se devo dire proprio il mio punto di vista il modo migliore per rispondere a questa domanda è sicuramente mettermi nei panni di un uomo. Ora se quando siamo a letto e lui mi tocca il seno questo risulta essere morbido al tatto si pone già un primo dubbio, perché è vero che i seni naturali sono i più morbidi che esistano ma è anche vero che un seno finto ma rifatto bene, con cura e da mani esperte può restituire la stessa percezione tattile di un seno naturale. Quindi diciamo pure che in questi casi non c'è molta differenza e quindi il seno finto prende una nota di merito in più perché a queste condizioni è possibile anche avere un seno più grande e simmetrico.
Detto questo restano molti altri casi da analizzare tra seno finto o seno naturale e che purtroppo rappresentano la maggior parte delle situazioni, ovvero quando il seno al tatto risulta essere troppo duro perché la quantità di massa introdotta all'interno è eccessiva rispetto alla quantità di pelle che può accoglierla. Stesso discorso capita anche quando alla sola vista il risultato è dato da due protuberanze innaturali, sporgenti e che non cadono minimamente verso il basso, anche in questo caso c'è un eccesso di protesi all'interno del seno rispetto alla pelle e allo strato adiposo disponibili.
Oltre a questi esempi di natura estetica, ci sono anche casi di natura tecnica in cui le mani dell' esperto non hanno fatto proprio un buon lavoro. Mi riferisco ad esempio alla presenza più o meno invasiva di cicatrici nell'area sub ascellare, sotto ai seni o intorno all' areola del capezzolo.
Infatti un lavoro di qualità prende in considerazione non soltanto il volume da aumentare ad una paziente ma anche la miglior tecnica possibile da adottare per eseguire un intervento chirurgico cosi delicato. Oggi le cicatrici in linea di massima non si dovrebbero vedere ad occhio nudo, salvo che uno non si metta a fare una crociata alla ricerca della cicatrice perduta.


Insomma con le tecnologie attuali in cui i tempi di lavoro si sono ridotti, in cui l'entità dell'invasività dell'intervento si è dimezzata, in cui i tempi di degenza si sono di gran lunga accorciati è auspicabile pensare che ben presto un seno finto possa superare per aspetto e consistenza anche il seno naturale ma la cosa che non bisogna mai dimenticare è che quando si decide di sottoporsi ad un' operazione estetica al seno denominata mastoplatica è assolutamente necessario rivolgersi a veri esperti del settore e non bisogna mai cercare di contrattare il prezzo finale perché per poche migliaia di euro in meno una persona potrebbe mettere a rischio anche la propria vita.

lunedì 15 maggio 2017

Erotismo negli anziani


Può sembrare strano ma prima o poi questo argomento riguarderà tutti, almeno tutti coloro che per longevità dovranno confrontarsi con questa problematica.
Eh già, se in età giovanile l'erotismo e il sesso sono tutt'altro che una problematica ma anzi un piacere assoluto, in età avanzata, nella cosiddetta terza età il sesso comincia a diventare un tabù non solamente per motivi di vergogna ma soprattutto per motivi debilitanti che non permettono all'uomo o alla donna di poter provare prestazioni sessuali come erano soliti fare una volta.
Ma recenti ricerche scientifiche stanno dimostrando che in realtà l' astensione da sesso in età avanzata è più un preconcetto comune che uno status fisico.

Infatti sembra che quando si comincia ad essere vecchietti la nostra psiche inizi ad adagiarsi alla condizione in cui ci troviamo e a rassegnarsi a tutti i limiti che la terza età solitamente impone. Ma l'erotismo negli anziani come pubblica insalutenews è un atto che andrebbe svolto normalmente senza porsi troppe inibizioni e a tal scopo parlarne col professionista del settore potrebbe risultare molto positivo. Al di là di tutti i limiti fisici che l'età avanzata pone, al di là della genetica, al di là delle condizioni di salute in cui una persona verte, la cosa a cui non dovrebbe rinunciare è quella di fare del buon sesso, seppur periodico ma costantemente e senza porsi limiti morali. L'erotismo negli anziani è un diritto sacrosanto di chi ne è coinvolto, guai gettare la spugna, bisogna essere reattivi e propositivi nei confronti di questo argomento anche perché alcune ricerche stanno mettendo in evidenza che chi fa sesso regolarmente sviluppa un umore positivo, non cade in depressione, ha una percezione della vita migliore in senso assoluto e forse alla fine si sente pure meno vecchio.
Oggi la scienza ci da una mano e ci sta comunicando che quando arriviamo al capolinea non tutto è perduto perché possiamo continuare ancora a fare cose che solamente da giovani facevamo e il sesso è una di queste.

venerdì 12 maggio 2017

Tra informazione e disinformazione


Interessante articolo che illumina sui motivi per i quali le persone in linea generale con l'avvento di internet e dei social media abbiano cominciato a mettere in discussione tutte le teorie e le comprovate dimostrazioni scientifiche sulla base di quello che racimolano in rete in termini di nuove informazioni.
Quello che si sottolinea in questo articolo tra informazione e disinformazione a confronto è che troppo spesso la gente cerca nell'informazione solamente contenuti che l'aggradano che circostanziano le proprie consapevolezze e convinzioni, il che significa prendere per buono e attendibile solo quelle notizie delle quali sono convinte da sempre ma che non avevano mai potuto verificare da nessuna parte perché i principali mezzi di informazione dicevano sempre il contrario.
Insomma pare che cercare fonti attendibili in rete sia roba per pochi e soprattutto da scienziati, in quanto quello che viene pubblicato ad esempio sulle riviste scientifiche non vi è ragione che debba essere messo in discussione.
Tutto questo ha sicuramente un fondo di verità perché troppo spesso la massa inizia a pensare quasi all'unisono come un gregge di pecore dando il peggio di se. Allora come dice l'articolo non si valutano più i contenuti oggettivamente e scientificamente ma si prende per buono tutto quello che leggiamo non preoccupandoci più della fonte dalla quale ci stiamo arricchendo d'informazione o di disinformazione. In questo modo sicuramente è facile cadere in errore.


Ma allora come si spiega la dichiarazione del dott. Richard Horton editore della rivista Lancet che sostiene a chiare note che la metà delle pubblicazioni scientifiche sono inattendibili ?
Questo dovrebbe iniziare a far pensare non poco sulla perfetta buona fede e affidabilità di chi pubblica sulle riviste scientifiche. Fino a ieri luogo di indiscutibile verità, oggi oggetto di discussione e di sfiducia.
Una cosa è certa, se proprio dobbiamo andare per il web a rovistare fra le cose che altre persone come noi scrivono ogni giorno, tanto vale dedicarci al super cazzeggio o a cose più leggere di consultazione e lettura come questo blog https://nuovilibriditesto.wordpress.com/ e prendere tutto con le molle senza farci cattivo sangue e senza pensare che quello che la scienza ci ha propinato fino ad oggi erano solo chiacchere e distintivo, come diceva un famoso attore in un famoso film. Saluti !

domenica 7 maggio 2017

Escort d'appartamento e prostitute OTR a confronto. Quale preferire ?

Sono una grande professionista e come loft girl ed escort so sempre come comportarmi, non ho mai avuto problemi con i miei clienti ne in termini di servizi da me offerti, ne in termini di accordi economici.
Ma è da un pò di tempo che mi stavo ponendo alcune domande in merito a cosa sia meglio oggi come oggi, se ritrovarsi a fare la escort d'appartamento o la prostituta OTR perché i vantaggi e gli svantaggi a quanto pare sembrano esserci da entrambe le parti. Ma vediamone alcuni.
Io ho la certezza che essere una escort è sicuramente più sicuro e appagante da un punto di vista mentale perché possiamo conoscere uomini gentili, educati e soprattutto distinti mentre credo di non poter dire lo stesso di una prostituta OTR che non sa mai chi si troverà davanti a richiedere i suoi servizi ogni volta che scende in strada.
Un'altra cosa indiscutibile è sicuramente il fatto che una escort come me lavora in contesti confortevoli, sia in appartamento sia che si tratti di fare l' accompagnatrice per cene e conferenze a clienti facoltosi. Una ragazza che lavora per strada non può certo godere di questi vantaggi, anzi è una condizione fissa quella di dover sopportare il clima perché se lavora d'inverno soffre il freddo, se lavora d'estate soffre il caldo afoso, inoltre i suoi clienti sono da una botta e via, tempo 10 minuti ed è tutto finito.
Un' altra grande differenza importantissima è sicuramente il fatto che mentre io lavoro da sola nel mio appartamento di proprietà, una puttana da strada lavora solo all' aperto e spesso lo fa su monitoraggio di un protettore delle prostitute, perciò alla fine non vedo grossi vantaggi per chi svolge l'antico mestiere per strada, piuttosto vedo tanta tristezza latente e un pericolo costante.

lunedì 1 maggio 2017

Sigle erotiche


Spesso abbiamo parlato di sesso e di pratiche erotiche, quello che ci piace fare e quello che vorremmo fare per trasgredire ogni giorno sempre di più. Io poi sono una di quelle ragazze a cui piace molto fare sesso e sperimentare fino all'immaginabile. Adoro provare le posizioni del sesso quando sono a letto con il mio partner, cosi come adoro mettere a disposizione i miei canali per provare piacere fisico e mentale. Oggi mi sono venute in mente quelle strane sigle erotiche che sono tanto usate in certi siti di escort e soprattutto nei forum di recensioni di escort in cui un puttaniere racconta all'altro con linguaggio gergale e utilizzando appunto la miriade di acronimi dedicati all'argomento, quanto si sia divertito con quella puttana piuttosto che con l'altra.
Certo che per chi è vergine della materia avrà non poca difficoltà all'inizio per capire e assimilare il nocciolo di un discorso ma fortunatamente esistono vere enciclopedie in cui è possibile consultare questo dizionario di acronimi e sigle erotiche altrimenti impossibili da comprendere.
Spesso queste iniziali indicano appunto pratiche erotiche e posizioni sessuali ma altre volte esulano dal significato strettamente sessuale per atterrare su qualcosa che gli somiglia ma senza necessariamente averne attinenza.
Una cosa è certa, la fantasia umana si è evoluta talmente tanto da riuscire a creare un linguaggio parallelo per trattare certi argomenti ancora un pò tabù innanzi ad una società bacchettona che è poco incline alla sfera sessuale dichiarata e spiattellata brutalmente sul viso.
Moltissime le sigle che conosciamo oggi fra cui il BDSM per indicare pratiche masochiste, esiste l'acronimo VU che indica generalmente la tariffa urbana ovvero quella minima che una prostituta chiede e ancora il CIM vale a dire la venuta in bocca della partner o del partner e moltissime altre abbreviazioni che hanno dato vita ad un catalogo veramente infinito. Consultarlo è la cosa più semplice da fare anche se richiede non poco tempo ! Buona lettura.

venerdì 21 aprile 2017

Salvatore Aranzulla e blog interessanti da cui prendere spunto

Oggi parliamo di blog o meglio parliamo di quei blog che la rete internet ci propone quotidianamente cercando di fare un distinguo fra qualità e quantità dei contenuti.
A cosa mi riferisco ? Ebbene, non tutti i blog sono oggettivamente interessanti, ci possono essere degli argomenti di varia natura a partire dai blog tematici che ogni tanto aguzzano la curiosità dei più, per passare ai blog di super cazzeggio vero e proprio, esistono poi blog personali in cui l'autore in prima persona si espone mostrando il proprio volto e i propri dati anagrafici, diventando lui il fulcro dell'attenzione ancor prima del suo blog o dei suoi blog. Molti di voi probabilmente si saranno imbattuti nei blog di Salvatore Aranzulla che propone con continuità e interesse contenuti concernenti lo sviluppo di alcune tematiche spesso di natura informatica, elargendo spiegazioni degne di nota che a google piacciono molto. Tant'è che se si cerca ad esempio un argomento del tipo: realizzare blog interessanti i suoi risultati sono sempre o quasi nella prima pagina di google, questo significa che i contenuti che lui propone sono di oggettivo interesse da parte del pubblico lettore e di conseguenza da parte di google.
Entrando nel merito di questo topic che tratta appunto blog interessanti, ho trovato a mio parere alcuni blog che promettono bene del tipo:
http://teatrifamosi.blogspot.it/
https://voltagabbana.wordpress.com/
https://contoinrosso.wordpress.com/
https://teatropuccinivespucci.wordpress.com/
http://articoliindeterminativi.blogspot.it/
http://goriziana.blogspot.it/
http://lucinellanotte.altervista.org/
http://articolidicronaca.blogspot.it/
http://gnoccatravels.blogspot.it/
https://canepoccio.wordpress.com/

Sono tutti blog con contenuti originali e sono per cosi dire work in progress. Quello che se ne evince è che si tratta di piccoli blog in via di sviluppo che vanno a trattare vari argomenti di facile e comprensibile lettura senza che l'autore si perda in macchinosi ragionamenti troppo approfonditi col rischio poi di non essere capiti dai navigatori del web. Lo scopo primario è quello di creare delle fonti di lettura su tematiche disparate e poter fornire allo stesso tempo una chiara facilità di lettura e assimilazione degli argomenti. Insomma è sempre meglio scrivere in maniera semplice e breve per focalizzare un argomento, piuttosto che dilungarsi in supercazzole intellettuali che andrebbero ad abbracciare poi solamente una nicchia ristretta di persone. E' necessario essere capiti bene e subito da tutti per avere una risposta positiva non solo dal grande pubblico ma anche da google. Io quando ho letto gli articoli di Salvatore Aranzulla ho percepito facile comprensione e intuizione del senso dei concetti. Perciò se decidete di aprire un blog sappiate che la prima cosa da comprendere è quella di utilizzare sempre contenuti originali e di esprimere le proprie idee in maniera chiara e con un linguaggio semplice. Questo è quanto vi dovevo. Come vedete pure io ho capito qualcosa del web. Saluti da Sofia e a presto !

martedì 18 aprile 2017

Cinema per adulti xnxx.com

Ieri stavo navigando la smisurata rete internet e come al solito non è mancato di imbattermi in quei soliti siti porno dove le donne esprimono tutta la loro coerenza fra mentalità casta e spavalderia sessuale, un binomio il cui paradosso forse è spiegabile tornando indietro di milioni di anni quando dalla costola di Adamo venne fuori questa gran troia !
Ma andiamo avanti, stavo dicendo che ieri mi sono imbattuto in una serie di siti porno, fra video e immagini di donne veramente depravate del sesso, dove per la foga di crearsi un'immagine se lo farebbero sbattere nel culo anche da un mulo. C'era di tutto, eccezion fatta per quello che non è legale intendiamoci, lungi anche dal rilasciare commenti da parte mia. Mi attengo a ciò che di legale oggi la mente bacata del cervello umano può proporre in quasi tutte le salse ormai.
Situazioni pesantemente erotiche a sfondo sessuale che ci sarebbe da consumarlo a forza di seghe, del resto certi video e tutte le foto porno che ci sono nel web servono principalmente a questo. Poi sono arrivato su questo sito il cui nome lascia ben poco spazio all'immaginazione: https://www.xnxx.com/ e infatti dentro c'è di tutto, subito in primo piano una signor suina che se lo fa sbattere in figa al naturale e lei con una bocca a pompini che gode e geme in maniera piuttosto evidente, a seguire tutta una serie di siti di troie e prostitute che fanno di tutto, dal pissing al trampling, varie pratiche BDSM, dal sesso sfrenato all'anale a tutto quello che ti pare e piace. Insomma ragazzi, il parco giochi della figa oggi è a portata di click basta solamente accendere il pulsante del mondo virtuale e tutto diventa possibile e senza limiti. Mi raccomando andateci piano, potrebbe danneggiare la vista ! hihihihihihihi

domenica 9 aprile 2017

Il Galateo

La storia ci insegna che l'educazione e la capacità di saper stare in mezzo alla gente rappresentano oggi come ieri l'essenza della natura sociale di ogni individuo umano. Ebbene, se non ci fossero state certe regole non scritte cosa sarebbe l'umanità oggi ? Molto probabilmente saremmo degli esseri viventi comunemente detti animali con le stesse caratteristiche intellettuali della maggio parte della fauna che noi conosciamo e con zero briciolo di evoluzione scientifica, tecnologica e soprattutto sociale. Ma nei secoli o meglio ancora nei millenni questa tendenza animalesca che l'uomo inizialmente aveva si è sempre più assottigliata aumentando il gap fra animale comunemente detto e specie umana per come la conosciamo noi. La capacità di ragionamento e raziocinio che l'uomo ha sviluppato in milioni di anni di evoluzione supera di gran lunga quella di qualunque altro essere vivente di questo pianeta.
Ma veniamo ai giorni nostri ! Oggi non è sufficiente sapersi distinguere da un animale bensì serve avere molte caratteristiche necessarie per potersi distinguere all'interno della società. Tutto inizia con l'educazione infantile per poi arrivare al momento di spacco della pubertà e finalmente con l'adolescenza si inizia a capire cosa significa sopravvivere in una società composta da tanti altri singoli individui come te. Innanzitutto serve conoscere almeno l' ABC del galateo in quanto utile per porsi nei confronti del prossimo in maniera educata e composta e per farsi ben volere dagli altri. Non nascondo che dietro questo comportamento di circostanza non troppo naturale, si nasconde quell'ipocrisia tipica dell'uomo, ipocrisia che invece difficilmente riscontriamo nel genere animale comune. Ma si sa nella vita tutto ha un prezzo e si può decidere se pagarlo oppure no. La ragione serve anche a questo per fare delle scelte che possono condizionare in maniera più o meno definitiva la nostra persona innanzi agli occhi dei nostri simili. Tutto questo fa parte di un gioco il cui autore è l'uomo stesso e del quale non tutti conoscono le regole, anche perché spesso le regole cambiano in corso d'opera.

Aloe vera scientificamente detta barbadensis Miller

Allora oggi si parla di salute e di proprietà presenti in una pianta dalle origini da clima caldo torrido africano. Quando si parla di piante medicinali molti pensano alle più disparate tipologie di piante presenti sulla terra a tutti i climi e a tutte le latitudini. In parte è vero ma non dimentichiamoci che esistono tantissime varietà di piante presenti anche sul nostro territorio che hanno un'origine autoctona o che sono state importate da altri paesi perché qui trovano terreno fertile per crescere e riprodursi. Spesso nella storia più o meno recente i popoli indigeni di certe parti del mondo hanno fatto e fanno tutt'oggi delle erbe naturali delle vere panacee ai loro mali anche perché non avrebbero
alternative con cui curarsi. La tecnologia in ambito scientifico è tipica solamente dei paesi industrializzati e per questo non è accessibile a certi popoli che vivono ancora allo stato brado.
Allora per curare le varie patologie che incontrano nella loro esistenza fanno affidamento a piante veramente miracolose che guariscono in maniera autentica e definitiva senza dare l'illusione di aver cancellato i sintomi e niente più.
Fra le piante che hanno queste capacità curative ricordiamo con grande orgoglio la Aloe vera scientificamente detta barbadensis Miller che è solamente una delle oltre 600 tipologie di Aloe esistenti ma sicuramente è questa la specie più conosciuta e coltivata anche un pò distrattamente nei nostri giardini. E' una pianta molto forte che bisogno di pochissima acqua in quanto ne è ricca internamente. Infatti le foglie che sono il fulcro delle secrezioni a scopo curativo che la pianta genera al loro interno hanno enormi quantità d'acqua che le preserva dalle tipiche condizioni di clima torrido delle terre africane da cui la pianta ha origine. In sostanza è una pianta grassa e come tale adora il sole e odia il freddo. Consigliabile per gli amanti della coltivazione di Aloe vera è garantire alla pianta le condizioni climatiche ideali. Pertanto nel periodo invernale quando il nostro clima scende sotto lo zero sarebbe cosa buona e corretta tenere la pianta all'interno degli appartamenti o in serre a clima controllato e temperato. Le temperature al di sotto dei 5 gradi centigradi in maniera continuata danneggiano la pianta.
Per arrivare agli scopi curativi per cui la pianta di Aloe viene cosi osannata ricordiamo le scottature superficiali della pelle, le ferite, dolori reumatici, dolori muscolari, può servire anche per uso interno tramite ingestione, ottima per evitare il reflusso e esofageo, curativa per le gastriti, regolamenta l'equilibrio intestinale. Insomma le finalità curative di questa pianta sono davvero innumerevoli ed è per questa ragione che dovremmo tutti quanti averne una buona riserva. Certo per coltivarle serve anche passione e tempo da dedicare, anche se non troppo, perchè come detto la pianta è molto autonoma. Buona salute a tutti con la miracolosa Aloe vera e presto forniremo anche alcuni dati statistici in merito ai tempi di guarigione da certe patologie.

giovedì 5 gennaio 2017

Tre gnocche a confronto

Ciao belli sono ancora io la vostra amatissima Sofia. Oggi di cosa parleremo ? Ebbene come da titolo faremo un sondaggio fra tre gnocche a confronto. Sto parlando ovviamente di me e delle tantissime foto che avete visto della mia nudità artistica, di una grande soubrette attualissima che più tardi citerò e di una bellezza tutta italiana nota negli ultimi tempi per la sua "disinvoltura dialettica". Doveroso virgolettare per capire di chi si tratta.
Adoro fare questo genere di confronti, perchè provo eccitazione nel sentirvi sussurrare parole dolci e provocanti quando vado a toccare certi argomenti erotici. Io sono una grande esibizionista come penso molti di voi avranno già capito e vorrei capire se a voi maschietti eccita di più una bellezza nostrana, giovane e sexy come me oppure una nota ragazza latina molto provocante, curatissima nei dettagli che attualmente sta spopolando sia nel web sia in tv o un'altra stupenda bellezza italiana anch'essa molto originale nel suo modus operandi. Forse siete già in molti ad aver capito di chi sto parlando, famoso anche il suo recente video hard di Belen Rodriguez dove chissà in quanti si saranno fatti una manovella e avranno goduto nel vedere in tutta la sua bellezza la sudamericana più amata dagli italiani.
Per essere bella e sexy in effetti lo è davvero, niente da aggiungere alla sua bellezza, del resto è il suo fiore all'occhiello, oltre alle doti di canto e di ballo che ha più volte dimostrato di avere. Insomma una sexy soubrette con tutti i connotati.
Dall'altra parte c'è la vostra tanto desiderata Sofia, la più sexy la più vogliosa quando si parla di prestazioni sessuali in genere e sempre pronta a mettersi letteralmente a nudo, con la consapevolezza di non avere alcun dettaglio fuori posto, anzi sono oramai famosa per la mia bellezza, l'accuratezza con cui mi pongo nei confronti degli uomini e il mio sex appeal.
E infine l'altra grande soubrette italiana nota recentemente per le sue esibizioni hard e i video porno di Sara Tommasi che hanno conquistato la rete. Forse la più cliccata del momento.
Insomma la scelta è dura ma non impossibile. Aspetto tantissimi vostri commenti come sempre. Buona visione e a presto da Sofia.

Meglio le cose reali o le cose virtuali ?

Eccomi ancora in vostra compagnia, un saluto caldo caldo dalla vostra Sofia. Oggi vi pubblicherò qualche nuova foto intima e nuovissima e se siete pronti andiamo ad incominciare:


Adesso miei porconi ditemi cosa ne pensate della mia splendida fighetta appena depilata... se siete adoratori come io credo che voi siate delle tope senza peli allora sicuramente vi starete già facendo una bella sega davanti al monitor. Non schizzate lo schermo o l'immagine risulterà un pò deforme dopo non vi pare ? ahahahahah...siete i miei prediletti da sempre, non potrei mai stare senza la vostra compagnia e soprattutto senza i vostri sguardi da veri maialini che puntano sempre la mia figa come foste dei cani da tartufo belli e dolci e tutti da accarezzare.
Sapete che recentemente mi sono fatta un tatuaggio molto sexy sulla caviglia destra ? Volete vederlo ? Va bene accontentati, eccovelo in tutto il suo splendore:
Che ve ne pare ? E' sexy e arrapante vero ? Lo so me lo stanno dicendo in tantissimi uomini e ultimamente sono aumentati i clienti che vogliono solo sborrare sulla mia caviglia dopo aver fatto loro un bel pompino o più semplicemente una sega con i miei famosissimi piedi curati.
E che ne pensate dei sex toys erotici ? Ne avevamo già parlato tempo fa quando io con una mia amica andammo in giro per negozi a caccia di qualcosa di esclusivo, di inesplorato, qualcosa che fosse un pezzo unico da presentare ai nostri carissimi e umilissimi amici porcelli. Ebbene, dalla prossima settimana sarà nuovamente caccia aperta alla ricerca dell'ultimo gioiellino erotico che naturalmente non tarderò a pubblicarvi come sono solita fare. So che siete già impazienti ma non abbiate fretta e come dice una nota pubblicità non c'è emozione più grande se non l'attesa di qualcosa di bello. Perciò a presto e tanti bacini sulle vostre cappelle rosa. Saluti da Sofia.

mercoledì 4 gennaio 2017

Ancora con questi siti dating....

Insomma ragazzi lo volete capire o no che è inutile fossilizzarli sull'idea che incontrare nel web sia la cosa migliore che ci sia. E mi riferisco agli incontri che normalmente avvengono nella vita reale fra uomini e donne e che negli ultimi anni si sono concentrati sulla rete. Pensare che una donna possa essere davvero interessata ad incontrare un uomo attraverso il mezzo telematico è roba da fantascienza. Troppe pubblicità, troppi spot regresso si sono oramai diffusi sulla rete grazie anche all'ausilio della televisione, dove ogni tre per due è possibile vedere il nuovo sito dating di turno.
Luoghi di perdizione dove nella migliore delle ipotesi coloro che vi  contattano sono coppie super scoppiate, travestiti e gay. Niente contro queste categorie per carità ma se io uomo desidero incontrare e conoscere una donna e che sia anche di un certo aspetto attraverso i social e le community d'incontri è praticamente impossibile. Non ci resta che piangere come reciterebbe una coppia di veri cultori della comicità all'italiana. Credere alle favole va bene ma solamente per il tempo in cui siamo incollati davanti al televisore a vedere un film interessante o se leggiamo un libro di nota fama. Credo che riprendere in mano le redini della situazione sia quanto meno doveroso. Oggi come oggi se vuoi veramente vivere una persona in carne ed ossa puoi farlo incontrandola in giro per locali, per strada o anche a fare la spesa o contattandola si nel web ma fra gli annunci di escort a pagamento. Questa è la vita e questa è la realtà, prendere o lasciare. Ad maiora.

Incontrare in Hotel una escort a Firenze è moda ?


Carissimi miei è da qualche giorno che oramai non mi sentivate lo so. E' si purtroppo ho avuto diverse cosine da fare e ho dedicato poco tempo ai miei amanti preferiti ma sono qui per recuperare il tempo perduto. Stavo passeggiando brava e sobria come una escort di Firenze che si rispetti qualche giorno fa e sono rimasta letteralmente colpita dalla bellezza autentica dell'arte di questa città. Un vero disegno di passione artistica la cui bozza è stata inzuppata dal pennello dei più grandi artisti del rinascimento. Stupendi i classici uffizi, il campanile di Giotto, la loggia del Pesce, il porcellino nel centro storico, insomma una miriade di talenti che nel tempo hanno dato vita a qualcosa di veramente unico. Ora cari miei porcellini vi starete chiedendo cosa centra tutta questa mia premessa artistica a quello che è il nocciolo di questo topic.

Ebbene, mentre ero in giro a passeggio come vi dicevo non ho potuto fare a meno di notare i bellissimi alberghi e hotel del centro storico, dei lungarni, tutti estremamente belli e sontuosi e allora mi son detta: ma come sarebbe fare la escort a Firenze dentro a cosi tanta bellezza storico-artistica, magari utilizzando portali di qualità come torchemada, con quali illustrissimi lor signori potrei mai avere il piacere di rapportarmi, di condividere momenti, minuti, ore liete ed economicamente molto appaganti ?

Secondo me diventerebbe presto una moda incontrare in hotel una escort a Firenze, sia per me sia per i miei clienti. Insomma mi sono chiesta: cara Sofia ma dove vai se l'Hotel non ce l'hai ? Allora però mi sono anche detta che probabilmente crearsi una vetrina per promuovere la propria immagine sia una cosa che fa da anticamera a tutto questo.

In effetti navigando per la rete internet ho trovato parecchi siti dedicati alle escort di Firenze fra cui ho notato l'autenticità delle foto di un sito in particolare che si chiama torchemada e dal quale sono rimasta positivamente incuriosita. Lavorando in un certo modo si farebbe parecchia strada secondo me. Ed in effetti sarebbero dei bei soldini poter operare come poche e note professioniste del sesso fanno oggi per accaparrarsi quella fetta di mercato che potrei definire l'elite, la crème de la crème per noi operatrici dell'antico mestiere. Credo che nella vita non si possa avere tutto se non lo immaginiamo almeno per un momento. E chissà, magari in futuro neanche troppo lontano anche questo mio sogno si potrà avverare. Logicamente non smetterei mai di ricordarvi e di parlare assiduamente con voi miei carissimi lettori e amanti del web. Baci dalla vostra Sofia